domenica 20 novembre 2016

Sabato 3 dicembre 2016 : Il Medioevo a Roma, i Papi al Laterano: il Sancta Sanctorum e il Battistero Lateranense

Definita la “Cappella Sistina” del Medioevo, la cappella di San Lorenzo in Palatio, meglio conosciuta come Sancta Sanctorum, è l’unico ambiente superstite di quello che una volta fu il palazzo dei Papi in Laterano. Il suo nome rievoca quella parte del tempio di Gerusalemme dove era custodita l’Arca dell’Alleanza, e qui erano conservate le più preziose reliquie cristiane. La più antica menzione della chiesa privata di palazzo risale al secolo VIII, e, fino alla costruzione della Cappella Sistina nella nuova residenza in Vaticano, il Sancta Sanctorum fu di fatto la cappella palatina. Internamente decorata da affreschi del XIII secolo e pavimentata dai Cosmati, la chiesa, ora inglobata nella Scala Santa, conserva l’immagine acheropita del Redentore. Non distante dalla Scala Santa sorge un altro frammento di quel grandioso complesso del Laterano, il Battistero, primo edificio cristiano a pianta centrale, destinato alla celebrazione del battesimo ad immersione. Il Battistero e il Sancta Sanctorum sono i vividi esempi dei quasi mille anni di storia dei Papi a Roma, uniche testimonianze rimaste del Patriarchio scomparso.

Appuntamento sabato 3 dicembre alle ore 9.30 davanti alla Scala Santa, Piazza San Giovanni in Laterano n. 14.
Durata della visita 1 ora e 45 minuti circa.

Costo omnicomprensivo per il 3-DIC (Guida, radioauricolari per l’ascolto della stessa, prenotazioni e ingresso al Sancta Sanctorum):
€ 18,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 21,50 per i non-Soci

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria

PAGAMENTO:
-     presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,

-     su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578

domenica 6 novembre 2016

Sabato 19 novembre 2016 Tra Rinascimento e Barocco, Bernini incontra Raffaello: la piazza e la chiesa di Santa Maria del Popolo



La chiesa di Santa Maria del Popolo era stata in origine prescelta per diventare luogo di sepoltura di insigni esponenti della corte pontificia legati alla famiglia della Rovere. Tra le sue cappelle è certamente quella Chigi, disegnata da Raffaello, a meglio rappresentare la concezione dello spazio rinascimentale, culminante con la decorazione a mosaico sviluppato su un tema astrologico.
Nel 1655 Gian Lorenzo Bernini mette mano al rinnovamento della chiesa e della cappella Chigi, e in questo modo si confronta e dialoga con Raffaello. Bernini si appropria dello spazio e lo rimodella giungendo a trasformare l’interno della chiesa in un teatro che si prolunga e si compenetra con lo spazio antistante della piazza, anch’essa ridisegnata per l’occasione dell’entrata a Roma della regina Cristina di Svezia. Come in un gioco di prestigio, la piazza e la chiesa divengono imprevedibili palcoscenici della vita e dell'arte.
E’ stata ottenuta l’autorizzazione all’accesso al coro, normalmente chiuso al pubblico. Esso contiene le tombe dei cardinali Ascanio Sforza e Girolamo Basso della Rovere, scolpite dal Sansovino, e la volta affrescata dal Pinturicchio con l’Incoronazione della Vergine, sotto la luce fortemente suggestiva proviene dalle preziose vetrate a piombo del 1528, unica opera superstite a Roma del grande maestro vetrario Guillaume de Marcillat. L’opera delle vetrate fonde la cultura franco-fiamminga con la nuova sensibilità spaziale classica romana.

Appuntamento sabato 19 novembre ore 10.00 di fronte alla chiesa di Santa Maria del Popolo in Piazza del Popolo.
Durata della visita 2 ore circa. 


Costo omnicomprensivo per il 19-NOV (compresi radioauricolari nella Chiesa, per l’ascolto della nostra Guida):
€ 12,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 13,50 per i non-Soci

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi in questa occasione (riduzione a € 10,00 per il resto dell’anno 2016)

PAGAMENTO:
-       presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,
-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578


domenica 23 ottobre 2016

Domenica 6 novembre 2016 - Restauri eccellenti: il Museo delle Terme di Diocleziano


Dopo anni di restauro è stato inaugurato nel 2015 il nuovo allestimento del Museo Archeologico delle Terme all’interno del grandioso complesso che furono le Terme di Diocleziano, aperte nel 306.
Capace di contenere circa 3000 persone, grazie ai suoi 13 ettari di estensione, la struttura comprendeva biblioteche, palestre, sale e una piscina di 3500 metri quadrati. Su quello che era il cuore dell’impianto, comprendente il frigidarium, il tepidarium  e il calidarium, oggi sorgono il Chiostro e la Certosa realizzati da Michelangelo.  
Il Grande Chiostro è situato tra il centro delle Terme e il lato settentrionale del recinto, il Piccolo Chiostro invece sullo spazio dove si trovava la piscina, occupandone i due terzi. Il Museo Epigrafico contiene circa 10.000 epigrafi funebri che rappresentano una chiara testimonianza sociale, economica e politica della vita romana dalla nascita della città alla fine dell’Impero. L’Aula Decima è probabilmente la stanza più grande delle intere terme, che da sola dà perfettamente l’idea della maestosità della struttura. Quello che cattura la vista del visitatore appena entra in questa stanza, oltre alle sue dimensioni e all’altezza del soffitto, sono la presenza di tre tombe: la Tomba dei Dipinti, la Tomba degli Stucchi, la Tomba dei Platorini. Quest’ultima è la più grande delle tre ed è stata rinvenuta nel 1880 presso il Lungotevere tra Ponte Sisto e via della Lungara. Riconducibile al I secolo a.C., al suo interno vennero trovate nove urne con le ceneri dei defunti, sei delle quali erano ancora intatte. 
Il museo oggi è un felice connubio tra le strutture antiche, tra cui l’impressionante natatio, e la più avanzata concezione dell’esposizione museale.


Appuntamento: domenica 6 novembre alle ore 9.15 di fronte all’ingresso del Museo in Viale Enrico De Nicola n.79 (Stazione Termini)
Durata della visita 2 ore ca.

Costo omnicomprensivo (compresi eventuali radioauricolari per ascoltare al meglio la nostra Guida):
€ 13,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 16,50 per i non-Soci

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi in questa occasione (riduzione a € 10,00 per il resto dell’anno 2016)

PAGAMENTO:
-       presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,
-       al Foro Romano (per chi ha già effettuato il pagamento per la visita del 23-OTT),

-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578

mercoledì 12 ottobre 2016

RIPETIZIONE ANCHE DOMENICA 23 OTTOBRE

A grande richiesta, la sotto riportata visita sarà ripetuta anche la settimana successiva, con le medesime modalità

domenica 25 settembre 2016

16-OTT "Tra Roma e Bisanzio: il complesso di Santa Maria Antiqua, l’oratorio dei Quaranta Martiri e la rampa di Domiziano al Foro Romano"


Altra “new entry” di quest’anno per la nostra Associazione: come sotto, il 16-OTT.
Numero limitato di partecipanti (pur con radioauricolari per il miglior ascolto della nostra Guida).
Terza modalità di pagamento – rispetto a quelle abituali adottate – per chi ha già effettuato il bonifico per Villa Adriana (preavvisando, per preparare le ricevute).

Fornire con le prenotazioni numeri di cellulare, grazie.

Domenica 16 ottobre 2016
Tra Roma e Bisanzio:
il complesso di Santa Maria Antiqua, l’oratorio dei Quaranta Martiri e la rampa di Domiziano al Foro Romano
(e quant’altro del Foro prossimo alla Chiesa ……)


Il grandioso complesso di Santa Maria Antiqua, alloggiato nelle antiche costruzioni imperiali nel Foro, si inabissò per mille anni in seguito al terremoto dell’847 D.C..
Solo all’inizio del 1900 riapparve, in seguito agli scavi condotti da Giacomo Boni, quella che era stata la chiesa descritta dal Liber Pontificalis e dalle memorie dei pellegrini medievali.
La ricchezza delle sue pitture è l’eccezionale testimonianza nello sviluppo dell’arte dal VI al IX secolo, non solo romana, ma di tutto il mondo greco bizantino contemporaneo: un patrimonio artistico di immagini che la furia iconoclasta distrusse nel mondo orientale, e che Roma e la chiesa di Santa Maria Antiqua mantennero e conservarono nel mondo occidentale. Legato al complesso è anche l’impressionante rampa imperiale di Domiziano che, nel passato, era il percorso che dal Foro romano portava al centro del potere: il palazzo imperiale. Dall’alto dei suoi 35 metri di altezza, la visita terminerà con la splendida vista sull’area archeologica del Foro.

La possibilità di visitare tutto il complesso cesserà il 30 ottobre.

Appuntamento: domenica 16 ottobre alle ore 9.00 di fronte all’ingresso del Foro Romano in Largo della Salara Vecchia 5/6
Durata della visita 2 ore ca.

Si suggerisce di indossare scarpe comode con tacco basso.

Costo per la Guida, i radioauricolari, i biglietti d’ingresso (*):
€ 22,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 25,00 per i non-Soci

(*) Biglietto unico Colosseo + area archeologica Foro Romano/Palatino valido per due giorni. In caso di diritto a riduzioni, preghiamo di contattarci

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi nell’occasione (riduzione a € 10,00 per il resto dell’anno 2016)

PAGAMENTO:
-       presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,
-       a Villa Adriana (per chi ha già effettuato il pagamento per la visita del 4-OTT),

-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578

lunedì 12 settembre 2016

Visita guidata 2-OTT "Una città ideale a misura di imperatore: Villa Adriana"

Riprendiamo il programma del 2016 con una visita mai organizzata in precedenza dall’Associazione, a Tivoli …… comunque nel Bacino del Tevere.
Trattandosi di prima domenica del mese, con ingresso gratuito a Villa Adriana, formeremo il gruppo appena superata la biglietteria, ad evitare sospensioni nell’andamento programmato per assenze o ritardi (contrariamente ad altri casi, non si può effettuare il ritiro collettivo dei biglietti gratuiti).
Il pagamento per Guida ed eventuali radioauricolari è dunque previsto anticipato (cfr sotto), per iniziare alle 10.00; come in altri casi, gli eventuali ritardatari si possono aggregare facilmente durante l’introduzione alla visita. Gruppo limitato secondo indicazioni quantitative della Guida stessa, per la migliore intelligibilità nella visione dei luoghi. Fornire con la prenotazione numeri di cellulare, grazie

Domenica 2 ottobre 2016
Una città ideale a misura di imperatore: Villa Adriana


Ai piedi dei Monti Tiburtini, in un’area ricca di acque, l’imperatore Adriano volle fare costruire la residenza dove sperimentare le sue ardite creazioni architettoniche e dove riprodurre i luoghi che lo avevano suggestionato nei numerosi viaggi attraverso le province dell’Impero.

Personalità complessa, quella di Adriano, giunto al potere all’età di 40 anni, raffinato esteta e collezionista, ma anche implacabile condottiero e statista. La villa rispecchia la sua personalità e gli episodi salienti della sua vita; un insieme di costruzioni che evocano il suo amore per la Grecia, come la sala dei Pilastri dorici e il Pecile, e la sua curiosità per i diversi culti presenti nell’impero fino allo struggente ricordo di Antinoo immortalato nel tempio a lui dedicato di fronte al Canopo.

Ricordi indelebili trasformati in pietra immersi in una Natura rigogliosa ora parte integrante della villa. 


Appuntamento: domenica 2 ottobre ore 10.00 superata la biglietteria di Villa Adriana in Largo Marguerite Yourcenar a Tivoli (RM).
Ingresso gratuito (si consiglia di arrivare un po’ prima delle 10.00).
Durata della visita 2 ore e 15 minuti ca..

Si suggerisce di indossare scarpe comode con tacco basso.

Costo per la Guida e gli eventuali radioauricolari:
€ 13,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 16,50 per i non-Soci

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 10,00 per il resto dell’anno 2016)

PAGAMENTO:
-       presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,

-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578

lunedì 23 maggio 2016

Passeggiata guidata sabato 4 giugno "Rinascimento a Roma: da Via dell'Orso a Via di Monserrato"

Riedizione di una delle nostre più note “passeggiate guidate”, con alcune modifiche di percorso. Alle prenotazioni aggiungere numeri telefonici, grazie
Sabato 4 giugno 2016
Sulle orme dei Borgia: il Rinascimento a Roma tra cardinali e cortigiane (da Via dell’Orso a Via di Monserrato)
La passeggiata si snoda tra le strade dei rioni Ponte e Regola, dove gli edifici ancora esistenti testimoniano la vitalità di un tessuto cittadino che si sviluppò tra la fine del XV e il XVI secolo, con l’espansione della città in direzione del Vaticano, nuovo centro di potere. Qui si trovavano i palazzi dei cardinali e le locande per i pellegrini, le botteghe artigiane dei “paternostrari” accanto a quelle dei conciatori, i palazzi gentilizi vicino alle dimore talvolta lussuose delle cortigiane più richieste, come quella di Fiammetta, la famosa amante di Cesare Borgia. Nelle stradine che si aprono sulla Via dei Coronari appaiono inaspettatamente le facciate dipinte e graffite che trasformarono la città nel Rinascimento in una vera pinacoteca a cielo aperto. Nei progetti dei papi che si susseguono dalla metà del 1400 in poi Roma è la “nuova Gerusalemme”, sede pontificia e luogo di devozione per le tante tombe e reliquie di martiri; ma la Chiesa è sempre più secolarizzata e i papi ricoprono a tutti gli effetti il ruolo di principi impegnati a fondare “dinastie” familiari. In questo senso i Borgia eccellono nel disegno politico volto a consolidare un vero e proprio regno sulla base di alleanze matrimoniali e guerre d’espansione. “O Cesare o nulla”, questo era scritto sulla spada del Valentino, figlio del papa, le cui imprese militari e la sua spregiudicatezza divennero il modello per la figura del “Principe” di Niccolò Machiavelli.

Appuntamento alle ore 9.30 davanti al Museo Napoleonico a Via Zanardelli
Durata della passeggiata: 2 ore circa
Costo per la visita guidata: € 10,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,50 per i non-Soci
Pagamento sul posto o tramite credito da abbonamento.

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 16,00 per l’anno 2016)



martedì 26 aprile 2016

21 maggio 2015 - L’età aurea del Rinascimento a Roma: S. Maria della Pace, chiostro del Bramante e S. Maria dell’Anima


Vero scrigno d’arte, da poco riaperta al pubblico, la chiesa di S. Maria della Pace è legata apertamente al tema della pace, concretizzatosi con la fine del conflitto seguito alla “congiura dei Pazzi” e alla vittoria contro i Turchi. E’ la chiesa prescelta dal mecenatismo di personaggi della cerchia papale, tra cui spicca il nome del banchiere del papa Agostino Chigi, che chiama Raffaello a dipingere le Sibille e i Profeti; accanto a lui vi sono Baldassarre Peruzzi e poi in seguito Rosso Fiorentino.
Il sogno di una età dell’oro, sotto il segno della rinnovata autorità pontificia, si palesa con la ricerca della perfezione estetica nella proporzione classica del chiostro progettato da Bramante su incarico del cardinale Oliviero Carafa, ammiraglio della flotta pontificia. A breve distanza sorge la chiesa della comunità tedesca, S. Maria dell’Anima, dove riposa il mai amato papa fiammingo Adriano VI, e in cui i potenti banchieri Fugger, con la loro cappella, testimoniano il profondo coinvolgimento nella politica papale, arrivando a finanziare l’istituzione della Guardia Svizzera.
Appuntamento alle ore 9.30 davanti alla chiesa di S. Maria della Pace in piazza S. Maria della Pace
Durata della visita 2 ore circa
Costo per la visita guidata: € 10,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,50 per i non-Soci



PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084


L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 16,00 per l’anno 2016)

lunedì 11 aprile 2016

[rettifiche data/costi] "Sulle orme dei BORGIA" [new] "OSTIA: una Città cosmopolita dell’antichità"

Su richiesta di vari Soci e non-Soci, a causa della consultazione referendaria, la passeggiata guidata del 17-APR viene spostata al 24-APR (i “già prenotati” sono ovviamente avvertiti a parte, anche per gli eventuali rimborsi).
Per offrire ammenda della variazione di programma, offriamo a tutti una riduzione dei prezzi (cfr sotto quelli nuovi).
Abbiniamo anche alla visita a Ostia Antica, per consentire a chi volesse il pagamento unificato via bonifico (o “scalando” dalle cifre degli abbonamenti).
Le due iniziative sono prenotabili separatamente. Aggiungere numeri di cellulare, grazie


Domenica 24 aprile 2016
Sulle orme dei Borgia: il Rinascimento a Roma tra cardinali e cortigiane (da Via dell’Orso a Piazza di Ponte S. Angelo)
La passeggiata si snoda tra le strade del rione Ponte, dove gli edifici ancora esistenti testimoniano la vitalità di un tessuto cittadino che si sviluppò tra la fine del XV e il XVI secolo, con l’espansione della città in direzione del Vaticano, nuovo centro di potere. Qui si trovavano i palazzi dei cardinali e le locande per i pellegrini, le botteghe artigiane dei “paternostari” accanto a quelle dei conciatori, i palazzi gentilizi vicino alle dimore talvolta lussuose delle cortigiane più richieste, come quella di Fiammetta, la famosa amante di Cesare Borgia. Nelle stradine che si aprono sulla Via dei Coronari appaiono inaspettatamente le facciate dipinte e graffite che trasformarono la città nel Rinascimento in una vera pinacoteca a cielo aperto. Nei progetti dei papi che si susseguono dalla metà del 1400 in poi Roma è la “nuova Gerusalemme”, sede pontificia e luogo di devozione per le tante tombe e reliquie di martiri; ma la Chiesa è sempre più secolarizzata e i papi ricoprono a tutti gli effetti il ruolo di principi impegnati a fondare “dinastie” familiari. In questo senso i Borgia eccellono nel disegno politico volto a consolidare un vero e proprio regno sulla base di alleanze matrimoniali e guerre d’espansione. “O Cesare o nulla”, questo era scritto sulla spada del Valentino, figlio del papa, le cui imprese militari e la sua spregiudicatezza divennero il modello per la figura del “Principe” di Niccolò Machiavelli.
Appuntamento: ore 9.45 a Via Zanardelli di fronte al Museo Napoleonico.
Durata della passeggiata  2 ore – 2 ore e ½

Costo per la Guida e i radioauricolari: € 10,00 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 12,50 non Soci

8 maggio 2015
OSTIA: una Città cosmopolita dell’antichità

Dalla sua origine di accampamento militare, strategicamente posto alla foce del Tevere, Ostia divenne nel corso dell’epoca imperiale il cuore pulsante delle attività commerciali legate a Roma.
La visita agli scavi dell’antica Ostium offre un vero e proprio spaccato della vita quotidiana di una Città antica che arrivò a contare ben 50.000 abitanti. I  luoghi costruiti per gli spettacoli – come il teatro – insieme alle terme, alle botteghe, ai mulini e ai numerosi luoghi di culto dedicati a divinità straniere fanno di Ostia un vivido esempio di Città cosmopolita formicolante caratterizzata da tante etnie e lingue diverse.
Camminare lungo le strade di Ostia è come immergersi nel passato alla scoperta delle tracce ancora vive della vita di tante persone, che, sebbene dimenticate dalla Storia, contribuirono con la loro esistenza e i loro mestieri alla grandezza di Roma.

Appuntamento: ore 9.30 alla biglietteria degli scavi di Ostia Antica (via dei Romagnoli, 717)
Durata 2 ore e 30 minuti circa
Permanenza libera entro gli orari di apertura del sito archeologico

Costo per il biglietto e la Guida:
€ 16,50 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 19,50 per i non-Soci
(vi preghiamo di contattarci direttamente per verificare eventuali riduzioni/esenzioni accordate dalla Soprintendenza – non più prevista alla biglietteria la riduzione per “over 65”)

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al momento (€ 16,00 per l’anno 2016)


PAGAMENTO:
-       presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,

-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578

lunedì 4 aprile 2016

Passeggiata guidata 17-APR "Sulle orme dei Borgia”

Domenica 17 aprile 2016
Sulle orme dei Borgia: il Rinascimento a Roma tra cardinali e cortigiane (da Via dell’Orso a Piazza di Ponte S. Angelo)
La passeggiata si snoda tra le strade del rione Ponte, dove gli edifici ancora esistenti testimoniano la vitalità di un tessuto cittadino che si sviluppò tra la fine del XV e il XVI secolo, con l’espansione della città in direzione del Vaticano, nuovo centro di potere. Qui si trovavano i palazzi dei cardinali e le locande per i pellegrini, le botteghe artigiane dei “paternostari” accanto a quelle dei conciatori, i palazzi gentilizi vicino alle dimore talvolta lussuose delle cortigiane più richieste, come quella di Fiammetta, la famosa amante di Cesare Borgia. Nelle stradine che si aprono sulla Via dei Coronari appaiono inaspettatamente le facciate dipinte e graffite che trasformarono la città nel Rinascimento in una vera pinacoteca a cielo aperto. Nei progetti dei papi che si susseguono dalla metà del 1400 in poi Roma è la “nuova Gerusalemme”, sede pontificia e luogo di devozione per le tante tombe e reliquie di martiri; ma la Chiesa è sempre più secolarizzata e i papi ricoprono a tutti gli effetti il ruolo di principi impegnati a fondare “dinastie” familiari. In questo senso i Borgia eccellono nel disegno politico volto a consolidare un vero e proprio regno sulla base di alleanze matrimoniali e guerre d’espansione. “O Cesare o nulla”, questo era scritto sulla spada del Valentino, figlio del papa, le cui imprese militari e la sua spregiudicatezza divennero il modello per la figura del “Principe” di Niccolò Machiavelli.
Appuntamento: ore 9.45 a Via Zanardelli di fronte al Museo Napoleonico
Durata della passeggiata  fra 2 ore e 2 ore e mezza
Pagamento sul posto

Costo per la Guida e gli eventuali radioauricolari (se necessari per l’ascolto della stessa): € 12,50 Soci di AMICI DEL TEVERE, € 15,00 non Soci

PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 3397448084
(aggiungere o fornire numero di cellulare)


L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al costo di € 16,00 per tutto il 2016

lunedì 29 febbraio 2016

[DOPPIO APPUNTAMENTO] 20-MAR "Il Museo Barracco" e 3-APR "Palazzo Altemps"

ESAURITI I POSTI PER LA VISITA ALLA GALLERIA BORGHESE DEL 6 MARZO – E VISTO IL SUCCESSO DELLE VISITE PROGRAMMATE QUEST’ANNO, IN PARTE NUOVE E IN PARTE GIA’ SVOLTE (MA DI RADO) – EFFETTUIAMO UN LANCIO ABBASTANZA ANTICIPATO.
LE DUE VISITE SONO PRENOTABILI SEPARATAMENTE.
TENDENZIALMENTE IL NUMERO MASSIMO DI POSTI PER L’INTELLIGIBILITA’ DELLA GUIDA ANDRA’ RAPIDAMENTE ESAURITO, PER CUI SOLLECITIAMO AD UNA RAPIDA RISPOSTA.
CON PREGHIERA DI INSERIRE RECAPITI TELEFONICI. GRAZIE


Domenica 20 marzo 2016
Il Museo Barracco: un gioiello del collezionismo

Una preziosa collezione di sculture, dall’antico Egitto all’epoca greca e romana, trova la sua sede in uno dei palazzi cardinalizi, costruito nel 1513, per il prelato francese Tommaso Le Roy. 
L’edificio rinascimentale nasconde a sua volta, nel sottosuolo, i resti di una probabile domus tardo-imperiale. La raccolta di antichità di proprietà del barone Giovanni Barracco, appassionato della classicità, venne donata al Comune di Roma nel 1902. La visita offre l’occasione di un vero “viaggio condensato” attraverso l’arte antica in una collezione eccezionale per la qualità delle opere selezionate, dalla sfinge di Hatshepsut alle sculture di Prassitele e Lisippo, fino alle sculture di età romana tra cui spiccano i busti femminili da Palmira, esempi di raffinata arte provinciale che, purtroppo, ormai, potremo ammirare solo in un museo.

Appuntamento: ore 10.00 a Corso Vittorio Emanuele II, 166/A
Durata della visita guidata: 2 ore circa

Costo omnicomprensivo (compreso radio-auricolare per l’ascolto della nostra Guida, se necessario): € 15,50 per i Soci, € 18,50 per i non-Soci.


Domenica 3 aprile 2016
Palazzo Altemps: per la storia del collezionismo

Una delle sedi del Museo Archeologico Romano, il Palazzo Altemps, ospita una parte delle raccolte di antichità che appartennero ai raffinati collezionisti, spesso cardinali, del XVI e XVII secolo. Famosi sono i gruppi statuari del Galata che uccide la moglie, l'Ares e il Trono Ludovisi, la colossale testa di Era.
L'edificio, costruito nella seconda metà del 1500,  è stata la residenza del cardinale Altemps, e conserva tuttora, negli ambienti del piano nobile, le decorazioni ad affresco opera di pittori manieristi. La storia del palazzo è profondamente legata alla sorte sventurata del figlio del cardinale, Roberto, condannato a morte per adulterio all'età di 20 anni. A nulla valsero le preghiere del cardinale presso il papa Sisto V, e, sconfortato, l'anziano prelato dedicò il resto della sua vita al culto della Madonna della Misericordia.
In palazzo Altemps si realizza una perfetta integrazione tra architettura rinascimentale e statuaria antica.

Appuntamento: ore 9.00 di fronte a Palazzo Altemps in Piazza S. Apollinare
[N.B. – Potrebbe subire lieve modifica in caso di prenotazione accordata dalla Direzione, ad evitare attese e concomitanze di percorso con altri Gruppi organizzati]
Durata della visita guidata: 2 ore.

Costo omnicomprensivo (compreso radio-auricolare per l’ascolto della nostra Guida, se necessario): € 15,50 per i Soci, € 18,50 per i non-Soci.



PAGAMENTO ANTICIPATO:
-       o presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,
-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria (ma è effettuabile al costo di € 16,00 per l’intero 2016).


PRENOTAZIONI: amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

martedì 9 febbraio 2016

[DOPPIO APPUNTAMENTO] 27-FEB "Il Rinascimento in Vaticano: Michelangelo e Raffaello a confronto" e 6-MAR "La collezione delle meraviglie: la Galleria Borghese"

DUE VISITE SPECIALI, PRENOTABILI SEPARATAMENTE:
-              UN “CLASSICO” PER L’ASSOCIAZIONE, NEI GIORNI E NEGLI ORARI DI MINOR AFFOLLAMENTO DEI MUSEI VATICANI, SENZA FILA ALL’INGRESSO,
-              UNA “NEW ENTRY”, IL 6-MAR ALLA GALLERIA BORGHESE.
L’orario alquanto mattiniero per il 6 marzo è legato alla prenotazione effettuata dall’Associazione (ore 9.00 – 11.00, massimo 25 persone con radioauricolari obbligatori per ascoltare la nostra Dott.ssa Villa).
Il 6-MAR saranno consentite visite soltanto su prenotazione e nel turno dato.

CON PREGHIERA DI INSERIRE RECAPITI TELEFONICI. GRAZIE


Sabato 27 febbraio 2016

Il Rinascimento in Vaticano:

Michelangelo e Raffaello a confronto


Nel nucleo più antico dei Palazzi Vaticani si conservano i maggiori capolavori del  Rinascimento a Roma: le Stanze di Raffaello e la Cappella Sistina. Tutti e due i cicli decorativi sono legati indissolubilmente alla figura del Papa, guerriero e patrono delle Arti, Giulio II. Raffaello e Michelangelo, chiamati ad affrescare le Stanze e la Cappella privata del pontefice, concepiscono e realizzano delle opere molto diverse. 
Nelle Stanze, l’opera di Raffaello costituisce il punto più alto del classicismo cinquecentesco, nel senso di un ideale equilibrio estetico e morale e della totale identificazione tra mondo delle idee e mondo della realtà.
Michelangelo, con il suo spirito tormentato, affronta il tema della “Creazione” e del “Giudizio” ponendo l’Uomo, con la sua natura imperfetta, a confrontarsi con Dio. La personalità di Michelangelo uomo-artista emerge prepotentemente nell’interpretazione che dà delle sacre scritture, non sempre allineata con la posizione ufficiale dell’ortodossia cattolica; in particolare, la terribilità del Cristo giudicante del Giudizio lo avvicina al sentimento e all’idea espressi dal Protestantesimo. Da scultore, quale Michelangelo era, nella Sistina mostra una pittura di una novità esplosiva per concezione e per forma, che apre all’Arte la strada della modernità.
Da segnalare l’innovativa illuminazione a led della Cappella Sistina, attivata da poco più di un anno dopo tre di lavoro.

Appuntamento:  ore 14.15 davanti all’ingresso dei Musei Vaticani.
Durata della visita guidata: 2 ore e 30 minuti circa. Visita libera a seguire, fino alla chiusura dei Musei alle 18.00.

Costo per ingresso, Guida della nostra Associazione e radio-auricolare (obbligatorio): € 27,00 per i Soci, € 30,00 per i non-Soci.

I Musei Vaticani accordano limitate riduzioni sul biglietto: potete segnalarci preventivamente i casi applicabili (ragazzi di età compresa tra 6 e 18 anni; studenti fino al compimento del 26° anno di età in possesso della International Student Card aggiornata, libretto universitario o altro documento comprovante l'iscrizione per l'anno in corso presso istituti di istruzione; sacerdoti, religiosi e religiose con apposita documentazione; dipendenti di tutti gli uffici, dicasteri ed organismi della Santa Sede o dello Stato della Città del Vaticano e pensionati degli stessi e loro familiari su semplice identificazione; direttori di musei, soprintendenze ed enti preposti alla tutela del patrimonio archeologico, artistico e storico; visitatori disabili - muniti di certificazione attestante l'invalidità superiore al 74% - e rispettivo accompagnatore).

Domenica 6 marzo 2016
La collezione delle meraviglie:
la Galleria Borghese

Nata dalla passione sfrenata per l’arte del cardinal-nepote Scipione Borghese, la collezione  raccoglie i primi grandi gruppi scultorei del giovane Gianlorenzo Bernini, come l’Apollo e Dafne, insieme alla più cospicua raccolta di opere di Caravaggio. Nella sua quadreria spiccano i dipinti di Raffaello, Domenichino e l’enigmatico Amor sacro e Amor profano di Tiziano.
Il museo era una volta famoso anche per le sue antichità e per gli estrosi oggetti come automi e “stranezze” della Natura che tanto intrigavano gli ospiti del cardinale.
Gli ambienti che ospitano le statue e i quadri sono ancora quelli pensati da Scipione, anche se la decorazione interna è cambiata seguendo il nuovo gusto neoclassico del 1770.
Entrare nella Galleria Borghese significa percorrere il museo immaginario di questo infaticabile collezionista, comprendere le sue scelte, ma anche seguire il corso storico di una delle famiglie più potenti di Roma.

Appuntamento:  ore 8.45 davanti all’ingresso (a destra) della Galleria Borghese in Piazzale Scipione Borghese 5 (dentro Villa Borghese).
Durata della visita guidata: 2 ore.

Costo per prenotazione d’ingresso, Guida della nostra Associazione e radio-auricolare (obbligatorio): € 15,50 per i Soci, € 18,50 per i non-Soci.




PAGAMENTO ANTICIPATO:
-       o presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,
-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria (ma è effettuabile al costo di € 16,00 per l’intero 2016).


PRENOTAZIONI: amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

mercoledì 20 gennaio 2016

Due aperture speciali a numeri limitato di partecipanti – Prenotabili entrambe o singolarmente

Sabato 30 gennaio 2016

Il Rione Monti dall'antichità (il ninfeo degli Annibaldi) al Rinascimento di Michelangelo (con apertura speciale)

Il percorso considera una piccola porzione del rione Monti dove sorgono la chiesa di S. Pietro in Vincoli, la scala dei Borgia e il nascosto antico ninfeo degli Annibaldi.
All’interno della chiesa nota anche per il “Mosè” si trova – fra le altre cose – l’unica parte, mai terminata, della tomba per papa Giulio II di Michelangelo. La “tragedia della sepoltura”, come la ebbe a definire lo stesso artista, è un’opera di grande significato per Michelangelo, in cui egli espresse il suo forte sentimento religioso e di speranza per un rinnovamento della chiesa, come è stato messo in evidenza dagli studi seguiti al recente restauro.
L’area occupata oggi da chiese, torri medievali e strade era nell’antichità luogo del popoloso quartiere della Suburra. All’angolo con Via Cavour, dietro un anonimo muro, appare inaspettatamente un grazioso ninfeo di epoca augustea, decorato con mosaici a pasta vitrea, madreperla e conchiglie. Scoperto casualmente durante i lavori dell’apertura della strada nel 1895, il ninfeo è un frammento di quella città antica ormai sepolta per sempre.

Appuntamento sabato 30 gennaio alle ore 10.00 davanti alla chiesa di S. Pietro in Vincoli in Piazza S. Pietro in Vincoli

Durata della visita 2 ore ca.

Costo per Guida, prenotazioni, aperture (compresi eventuali radioauricolari per l’ascolto della nostra Guida):
€ 18,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 22,50 per i non-Soci

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

PAGAMENTO ANTICIPATO:
-       o presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,
-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578

L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al costo di € 16,00 per tutto il 2016






Sabato 6 febbraio 2016

Roma tra mito e storia: il Velabro e i templi del Foro Boario (con aperture speciali)

Sin dalle origini della città nella valle del Foro Boario si teneva il mercato degli animali, e qui si trovano due dei templi più antichi legati ai commerci: il tempio di Ercole e quello di Portunus. Dopo 30 anni di chiusura, i templi sono nuovamente visitabili e in particolare in quello di Portuno è stato restaurato un ciclo di affreschi datato tra l’VIII e il IX secolo. Il tempio, divenuto chiesa cristiana dedicata a Santa Maria Egiziaca, protettrice delle prostitute, presenta un rarissimo esempio, sulla scena romana, di soggetti del tutto inediti sulla vita di Maria, dall’infanzia alla morte, ripresi dai Vangeli apocrifi. Poco distante dalla valle del Foro Boario è il Velabro, luogo strettamente legato al mito della fondazione di Roma; fu qui, secondo la leggenda, che i gemelli Romolo e Remo, figli della Vestale Rea Silvia, furono abbandonati in una cesta e miracolosamente salvati e nutriti dalla lupa. Sotto la pavimentazione del Velabro scorre la più grande opera idraulica dell’antichità: la Cloaca Massima, il cui sbocco è ben visibile sotto i muraglioni del Tevere. La chiesa di S. Giorgio del IX secolo poggia le sue fondamenta sulla Cloaca Massima, così come i due archi romani di Giano e degli Argentari. Di nuovo, con gli Argentari, ritorna la memoria della vocazione commerciale della zona; l’arco fu, infatti, eretto a spese della Corporazione degli Argentari e dei negozianti di buoi e dedicato all’Imperatore Settimio Severo. Il Velabro è probabilmente uno degli angoli più affascinanti e dimenticati di Roma, incuneato tra il Foro alle spalle e le costruzioni più moderne che quasi lo nascondono.

Appuntamento sabato 6 febbraio alle ore 9.30 di fronte alla chiesa di S. Maria in Cosmedin in Piazza della Bocca della Verità
(ricorderemo – per l’appuntamento – di tenersi sull’angolo, al fine di non confondersi coi turisti diretti alla Bocca della Verità)

Durata della visita 2 ore ca.

Costo per Guida, prenotazioni, aperture (compresi eventuali radioauricolari per l’ascolto della nostra Guida):
€ 17,00 per i Soci di AMICI DEL TEVERE, € 20,00 per i non-Soci

PRENOTAZIONI: mail amicideltevere@unpontesultevere.com; cell. 3395852777 - 3397448084

PAGAMENTO ANTICIPATO:
-       o presso la nostra Sede in Via Marianna Dionigi n°17, previo appuntamento telefonico,
-       su c/c presso Unicredit SpA, Agenzia Roma Mazzini “A”, intestato ad ASSOCIAZIONE AMICI DEL TEVERE, IBAN IT 68 C 02008 05167 000401070578


L’iscrizione all’Associazione non è obbligatoria - Chi volesse potrà tesserarsi al costo di € 16,00 per tutto il 2016